socio fondatore bravoteam




Non sono presenti promozioni al momento. Torna a trovarci!

 

Quanto ancora si può migliorare l’efficienza dei serramenti?

Efficienza serramenti

 

Quanto ancora si può migliorare l’efficienza  dei serramenti ?

(Fonte STUDIO BOTTA & ASSOCIATI)

 

Dal serramento alla posa in opera, al progetto d’architettura.

I serramentisti devono garantire delle prestazioni sempre maggiori dai propri prodotti. La riuscita del serramento però, dipende anche dal sistema costruttivo che caratterizza tutto l’edificio, nella sua complessità.


Per conoscerne il reale comportamento, è opportuno tenere presenti anche altri aspetti costruttivi: gli elementi di collegamento tra infisso e muratura e i materiali con cui verrà realizzato, causa di ulteriore discontinuità geometrica e materica nel nodo e infine, gli accorgimenti necessari al momento della posa in opera; aspetti difficili da controllare in maniera globale e sistematica, ma fondamentali per ottenere i risultati attesi.


Curare questi aspetti non è sempre sufficiente, perché dovrebbero essere affrontati anche nel progetto d’architettura; solo in pochi casi viene fatto a priori, come in edifici definiti passivi ad esempio, ma sono dei casi isolati, che stanno diventando “di moda” e ancora non rientrano nella metodologia progettuale corrente. Farlo, significa raggruppare già dalla genesi del progetto, tutte le competenze specifiche.

 

1. Come procedere
2. La verifica delle prestazioni in opera

 

1. COME PROCEDERE

Per comprendere meglio come operare si può prendere ad esempio ciò che viene fatto nel disegno industriale. Questo si confronta dall’inizio con eventuali difetti del prodotto finale, in tutti i suoi aspetti, da quelli formali a quelli materici e di lavorazione, risolvendoli nei minimi particolari con il prototipo, la cui realizzazione e reiterazione restituisce un oggetto di cui già si conosce il comportamento in ogni sua parte.


Un simile procedimento può considerarsi valido se traslato al progetto di un manufatto architettonico, con le dovute differenze.
Avvalersi di termografie o analisi acustiche effettuate con softwares specifici, permette di indirizzare le scelte progettuali e dotarsi di disegni che lasciano poco spazio a libera interpretazione in fase di posa in opera.

 

Da oggetti che utilizziamo quotidianamente, come automobili e cellulari, ci si aspettano più prestazioni ed optional, di quanti in realtà poi ce ne servano e ci si aspetta che queste siano rese note, da un’estetica sempre più accattivante ed hi-tech. Non si è altrettanto esigenti per le case e gli edifici che viviamo, dai quali ci si aspetta invece un’estetica rassicurante, ma che spesso non si sposa col massimo dell’efficienza. Questo è provato dalla pratica della Certificazione Energetica, che più che essere uno strumento per comprovare la validità indiscussa di un buon progetto, diventa il fine da raggiungere per posizionare l’edificio in una scala economica, finendo per fare della nuova tecnologia un fine e non uno strumento.

 

2. LA VERIFICA DELLE PRESTAZIONI IN OPERA

 

In una comunissima etichetta CE in accompagnamento ad una fornitura di infissi, si leggono le prestazioni tecniche, di grande importanza in un involucro edilizio. Con tale dichiarazione il serramentista si impegna a garantire le stesse prestazioni sul prodotto posato. Le apparecchiature per il monitoraggio delle prestazioni degli edifici a basso consumo energetico utilizzate in cantiere, ci consentono oggi di capire il livello di prestazione di un infisso posato.


Sono tecniche note e rodate, che danno risultati oggettivi, in grado di dimostrare le responsabilità, anche in assenza di una specifica norma sulla posa in opera. Per le prestazioni acustiche, oltre alle tradizionali tecniche di verifica e collaudo, sono disponibili tecniche di misura intensimetrica in grado di realizzare vera e propria mappatura del comportamento acustico di un infisso, per capire come intervenire efficacemente ed ottimizzare le prestazioni.

 

In accoppiata a tali tecniche, che abbiamo avuto modo di utilizzare già con successo in diversi casi, si può procedere con termografia, insieme a Blower Door test, per la verifica delle dispersioni in opera e la localizzazione ed il controllo dei ricambi d’aria da spifferi. Tali tecniche consentono di accertare se una posa in opera di un serramento risponde a prestazioni dichiarate o richieste con un capitolato molto dettagliato; la cosa più importante tuttavia, resta la possibilità di utilizzarle per perseguire l’ottimizzazione delle prestazioni dei serramenti, svolgendo attività di Ricerca e Sviluppo dei prodotti.

 

In conclusione, rispondendo alla domanda iniziale, al lavoro che già si fa sul singolo serramento, va accostato quello di analisi, progettazione e verifica dell’infisso posato, finalizzato a soluzioni “su misura”, che si adattano ogni volta al contesto in cui devono essere collocate.

Content on this page requires a newer version of Adobe Flash Player.

Get Adobe Flash player

Content on this page requires a newer version of Adobe Flash Player.

Get Adobe Flash player

Content on this page requires a newer version of Adobe Flash Player.

Get Adobe Flash player



CONTROTELAIO FLASH TRE THERMIC IN ACCIAIO ZINCATO CHE TRATTIENE IL CALORE

Consente di migliorare le prestazioni termiche dei vostri infissi riducendo la possibilità di formazione di condensa e muffe... segue »

LINEA TENDE DA SOLE

Sfoglia on line la nuova brochure "Linea tende da sole ALXO" segue »

 

 

LINEA PERGOLE E VELE

Sfoglia on line la nuova brochure "Linea pergole e vele ALXO" segue »

 

Solo 7 cm per tutta la tecnologia e la sicurezza di una porta scorrevole

GEZE e la sua gamma di porte automatiche “SLIMDRIVE”. Leggere, modulari, a montaggio rapido... segue »




Guarda tutti i fornitori









ALXO S.r.l. - Viale del Lavoro, 3 | 37040 Arcole (VR) | Italy | Tel.: +39 045 6144411 | Fax: +39 045 6144405
P.IVA, C.F. e Nr Iscrizione al registro delle imprese di Verona 00756070231 | N REA 155725 - Cap. Soc. 405.839,16 i.v.

Mediaticaweb